Ladra di libri

Così mi hai chiamata, ladra di libri. Chissà con che diritto poi, non credevo che avessimo acquisito tutta questa confidenza. Mi sarei aspettata al massimo un “divoratrice di libri”, ma ladra…

Poesie d’amore del ‘900, così s’intitolava la raccolta “rubata”, che poi l’avevo solo presa in prestito, dalla libreria di mia nonna per giunta, ma tu questo non lo sai, né hai gli strumenti per saperlo.

Fare passeggiate al tramonto, sul lungo mare, con i colori che cambiano ogni minuto, mentre la luce cede il posto al buio e si notano meglio tutti i dettagli del mondo , lo trovavi profondamente affascinante. Girare, scovare un nuovo vialetto, andare alla ricerca di qualcosa, “Ma che cosa stiamo cercando?” ti chiedevo.”Non lo so, ma quando l’avremo davanti, stanne certa, lo capirai” rispondevi.

Non trovammo mai niente, non  era con me che dovevi portare avanti quella ricerca, anche se tu eri fermamente convinto  che dovessi essere io ad accompagnarti. Adesso siamo una ladra di libri ed un visionario, da qualche parte nel mondo, profondamente diversi, dispersi in qualche ricordo di vita, che cercano qualcosa, cercano sempre.

Chissà se alla fine tutto questo cercare assumerà una forma, un colore, una definizione, un paio d’occhi, un’anima.

ladra di libri

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...